Ente Olivieri Pesaro

Un dì vedrete mendìco un cieco ... Testi omerici in Oliveriana

Con l’Iliade e l’Odissea, poemi in esametri attribuiti ad Omero, ha inizio la letteratura greca. La tradizione dei testi omerici ha avuto un veicolo fondamentale nelle copie manoscritte che, fino all’avvento della stampa, hanno contribuito, assieme alla tradizione orale, alla loro enorme diffusione. Poi i volumi a stampa, per primi gli incunaboli, seguiti dalle svariate edizioni che fino ad oggi si sono succedute. La mostra “…Un dì vedrete / mendìco un cieco…“. Testi omerici in Oliveriana, a cura di Brunella Paolini, con inaugurazione giovedì 25 febbraio alle ore 17.00, si propone di offrire una piccola rassegna di alcune delle versioni attraverso cui i testi, di certo tra i più letti e commentati di sempre, sono arrivati fino ai nostri giorni.

   Nelle bacheche oliveriane saranno quindi esposti i documenti conservati nelle stanze dell’ateneo pesarese e realizzati dal XV secolo in avanti. Non sono presenti manoscritti, il documento più antico è l’incunabolo con il testo dell’Iliade, versione in prosa tradotta da Lorenzo Valla e stampata a Brescia nel 1497 da Battista Farfengo. Seguono le edizioni del XVI secolo che meritano, anche per la ricchezza ed accuratezza tipografica, un cenno particolare. Notiamo tra esse l’edizione dell’Iliade stampata a Venezia nel 1526 da Stefano da Sabbio ed opera di Nicola Lucanis. Il volume, di notevole rarità, è la prima versione in volgare greco del poema omerico e, oltre che per la particolarità linguistica, è di notevole pregio anche per le numerose xilografie presenti. Più in generale i volumi esposti riproducono alcune delle forme che l’Iliade, l’Odissea e anche la Batracomiomachia, altra opera attribuita ad Omero, assunsero nei diversi periodi storici: alcuni sono in lingua greca, altri in latino, altri ancora in volgare. Alcune edizioni sono particolarmente ricche per l’apparato illustrativo, altre si fanno notare per la notorietà dei traduttori. Tra questi, citiamo Ippolito Pindemonte, Vincenzo Monti, Salvatore Quasimodo. Non potevano mancare poi i testi critici su Omero e tra essi, ormai un classico, La questione omerica di Codino tra i più recenti, e il Discorso intorno all’antro delle ninfe Naiadi di Homero, di Giovanni Belloni, edito a Padova nel 1601 tra i più antichi. E ancora sull’analisi delle opere letterarie, l’Omero di Carlo Vitali, pubblicato da Vallardi nel 1937; Il mondo di Omero, antologia dall’Iliade e dall’Odissea, a cura di Pietro Janni e pubblicato da Laterza nel 1971; e L’eroe e il suo limite, responsabilità personale e valutazione etica nell’Iliade di Lucio Ceccarelli, edito dall’editrice Edipuglia nel 2001. Ovviamente il mondo mitologico è stato trattato e raccontato in mille modi e di esso si possono trovare infiniti riferimenti in ogni tempo; solo come esemplificazione saranno esposti due testi, molto diversi e lontani anche cronologicamente tra loro, che raccontano, ognuno a suo modo, uno dei più noti personaggi citati nelle opere omeriche: La Circe di Gio. Battista Geli Academico fiorentino, nella quale Ulisse, & alcuni trasformati in fere disputano dell’eccellenza, & della miseria dell’huomo, & degli animali, Venezia, Altobello Salicato 1589 e Il mito di Circe, immagini e racconti dalla Grecia a oggi, di Maurizio Bettini e Cristiana Franco, Einaudi 2010.
   Per concludere anche riscritture dei testi omerici: L’Iliade giocosa di Giovanni Francesco Loredano, Venezia 1654, La moscheide di Teofilo Folengo, Milano 1817, I paralipomeni della Batracomiomachia di Giacomo Leopardi in due edizioni, Utet 1921 e Carocci 2002.

Subito dopo l’inaugurazione, nella sala Passeri della Biblioteca Oliveriana alle ore 18.00, inizierà il ciclo di quattro lezioni di Alina Veneri dedicate a Omero e realizzate a cura dell’Università dell’Età Libera in collaborazione con l’Ente Olivieri.  


La mostra sarà visitabile nell’orario di apertura della biblioteca

(lunedì-venerdì 8.30-18.45; sabato 8.30-13.00)

Ingresso libero

 

Info: Biblioteca Oliveriana, tel. 0721 33344 – biblio.oliveriana@provincia.ps.it

 
© 2005-2021 Ente Olivieri Pesaro - Gestito con docweb - [id]